LA TRASFERTA MODENESE SORRIDE AL TRENTO: BATTUTO 2 A 1 IL SAN PAOLO

Il Trento si assicura la seconda vittoria consecutiva e lo fa battendo di misura il San Paolo. A risultare decisiva è la doppietta di capitan Torresani, che permette alle gialloblù di avere la meglio nonostante le numerose occasioni da goal non concretizzate. Per le emiliane in rete Fontana che, subito dopo l’intervallo, aveva complicato i piani della squadra di mister Pavan.

 

LIVE MATCH

Per la trasferta di Modena, mister Pavan ripropone il 4-2-3-1 delle recenti uscite con Varrone, Bertamini, Linda Tonelli e Ruaben a difendere Valzolgher; Fuganti e Torresani a comporre la linea mediana, mentre Poli, Tononi e Alessandra Tonelli si sistemano alle spalle dell’unica punta Pasqualini. Parte col piede sull’acceleratore il Trento che, dopo meno di due minuti, bussa alla porta del San Paolo con la conclusione angolata – ma non abbastanza potente – di Alessandra Tonelli. Il secondo affondo è decisivo e l’incornata di Torresani, sugli sviluppi diretti di un corner calciato da Tonelli, permette alle gialloblù di passare in vantaggio per uno a zero. Le altre due occasioni da goal della prima frazione capitano invece sui piedi di Pasqualini, che prima non inquadra lo specchio con un pallonetto e poi centra Montorsi con una conclusione poco angolata. Le squadre tornano poi negli spogliatoi e il secondo tempo si apre con una doccia fredda per la squadra di mister Pavan: l’errore in fase di impostazione della retroguardia gialloblù favorisce infatti la conclusione dalla distanza di Fontana, che sorprende tutte e pareggia i conti. La risposta trentina è fulminea e il cross dalla destra di Tononi viene sporcato da un difensore che, impattando la sfera, scavalca Montorsi. Sul pallone vagante si fionda ancora Torresani, lesta a spingere in rete da pochi passi. Non c’è nemmeno il tempo di ricomporsi che le gialloblù creano un’altra palla goal: Poli sguscia tra le maglie avversarie e si presenta davanti al portiere ma, provando a dribblare anche quest’ultimo, perde palla e l’azione sfuma. A metà ripresa il Trento torna a rendersi pericoloso e il lancio in profondità di Ruaben pesca Pasqualini, che però non è abbastanza lucida da evitare la respinta di Montorsi. Non arriva neanche nel finale di gara il goal che avrebbe garantito maggior tranquillità alle trentine, infatti la conclusione volante della subentrata Maurina viene spedita in angolo dall’estremo difensore locale. Il Trento centra comunque la seconda vittoria consecutiva e il quinto risultato utile di fila, raggiungendo così il quinto posto in classifica.

 

IL TABELLINO DELL’INCONTRO

SAN PAOLO – ACF TRENTO 1-2

SAN PAOLO: Montorsi, La Torre, Gabrielli, Gandolfi, Preti (31’st Baraldi), Incerti, Fontana (8’st Barletta), Bergamini (25’st Favella), Coppelli (12’st Pascarella), Geraneo, Gatta (31’st Biagioni).

A disposizione: Gozzi, Isernia, Balestri.

Allenatore: Benedetta Brovia

TRENTO (4-2-3-1): Valzolgher, Varrone, L. Tonelli, Bertamini, Ruaben (46’st Rovea), Fuganti, Torresani, Poli, A. Tonelli, Tononi (17’st Daprà), Pasqualini (36’st Maurina).

A disposizione: Callegari, Chierchia, Regini.

Allenatore: Libero Pavan

ARBITRO: Nuzzo di Seregno

RETI: 17’pt e 12’st Torresani (T), 7’st Fontana (S).

 

 

 

ACF TRENTO A MODENA PER PROLUNGARE LA STRISCIA POSITIVA

La vittoria nel derby con il Sudtirol Damen ha portato a 4 i risultati utili consecutivi del Trento, che ora vuole continuare a migliorare la propria classifica. La trasferta modenese contro il San Paolo è alla portata della squadra di mister Pavan ma le ragazze dovranno evitare alcuni errori che, soprattutto nel passato recente, hanno condizionato le gare delle gialloblù. Dirigerà la sfida (calcio d’inizio alle 14.30) il Signor Nuzzo di Seregno.

 

QUI TRENTO

È disteso il clima in casa Trento e la squadra di mister Pavan in settimana ha avuto modo di preparare al meglio la trasferta emiliana. Le gialloblù di Modena devono ancora conquistare un punto in questo campionato e la classifica impone loro di invertire questo prolungato trend negativo per provare a recuperare una situazione compromessa – ma non irreparabile – in chiave salvezza: “Non è assolutamente una squadra da sottovalutare e non dobbiamo pensare che ci regaleranno qualcosa”, ha esordito Pavan “perché l’errore più grande sarebbe quello di approcciare la partita in modo errato. Partiamo da favorite ma il San Paolo è stato capace di mettere in difficoltà squadre del calibro del Cortefranca in questo campionato, inoltre sono una squadra migliorata rispetto all’andata e per questo dovremo stare attente. Nello scorso turno, una disattenzione iniziale ha complicato molto la nostra gara e se succedesse ancora potrebbe costarci caro”. Le trentine avranno bisogno anche di fare un passo avanti in fase realizzativa per migliorare ulteriormente il proprio rendimento e la partita di domani potrebbe rappresentare una buona opportunità in tal senso: “La volontà è quella di crescere anche a livello di prestazione, rispetto alla settimana scorsa. Il livello era stato buono ma avevamo sciupato numerose chance con conclusioni imprecise o mancando l’ultimo passaggio. Dovevamo sicuramente chiuderla prima”, ha aggiunto l’allenatore gialloblù. Non sarà della partita Lucin, che in settimana ha accusato un problema muscolare di cui si sta ancora valutando l’entità. Assente anche Rosa, che però in settimana è tornata a lavorare sul campo, mentre è regolarmente convocata Rovea, nonostante qualche acciacco fisico.

 

LE CONVOCATE

PORTIERI: Valzolgher, Callegari.

DIFENSORI: Chierchia, Regini, Ruaben, L. Tonelli, Varrone, Bertamini.

CENTROCAMPISTI: Fuganti, Maurina, Torresani, Poli, Tononi, Rovea.

ATTACCANTI: Pasqualini, Daprà, A. Tonelli.

 

PRONTO RISCATTO: IL TRENTO PASSA PER 3-1 NEL DERBY CON IL SUDTIROL DAMEN

Dopo un avvio di gara complicato, il Trento alza la testa e pareggia prima dell’intervallo con Alessandra Tonelli. Nella ripresa le gialloblù crescono ulteriormente di livello andando in rete con Pasqualini e Poli. Pronto riscatto dopo il pari di Cortefranca: vale il sesto posto in classifica.

 

LIVE MATCH

Per il derby con il Sudtirol Damen, mister Pavan conferma il 4-2-3-1 delle recenti uscite schierando Poli, Alessandra Tonelli e Rovea alle spalle di Pasqualini, nuovamente titolare dopo oltre cinque mesi. Il primo acuto del match è però di marca altoatesina e De Luca è lesta ad approfittare della disattenzione su corner delle gialloblù, portando le compagne in vantaggio con una deviazione di testa. La risposta del Trento si fa attendere fino al 26’, quando Tonelli si libera per il tiro tra due avversarie centrando però il palo. Poco più tardi il tuttocampista gialloblù ha la chance per riscattarsi e il pallone messo a centro area da Poli viene prontamente girato in rete da Tonelli che batte Di Genova facendo 1-1. Prima dell’intervallo c’è spazio anche per la terza palla-gol trentina, sfruttata al meglio da Rovea che però si trova in posizione di fuorigioco al momento del tiro, così l’arbitro annulla la rete del vantaggio gialloblù. Nella ripresa il Trento alza i giri del motore e, dopo dieci minuti, il lancio dalle retrovie pesca Alessandra Tonelli che prova il tocco sotto, senza però riuscire ad inquadrare lo specchio. Tra il 25’ e il 27’ minuto, l’enganche gialloblù si rende pericolosa altre due volte ma entrambe le conclusioni mancano il bersaglio grosso. A portare in vantaggio il Trento ci pensa allora Pasqualini, che riceve a centro area la sventagliata proprio di Tonelli. L’attaccante controlla egregiamente e timbra il cartellino per la prima volta in campionato battendo Di Genova. Il vantaggio gialloblù spinge il Sudtirol Damen a sbilanciarsi e le trentine ne approfittano per chiudere i conti: Tonelli sembra aver benzina per due partite e macina la fascia prima di mettere il pallone al centro. La deviazione di un difensore favorisce il destro in corsa di Poli che fa 3 a 1 con la massima naturalezza. È l’epilogo di una partita combattuta e conquistata dalle gialloblù, nonostante il penalizzante svantaggio iniziale. Ora la classifica vede il Trento al sesto posto.

 

IL TABELLINO DELL’INCONTRO

TRENTO – SUDTIROL DAMEN 3-1

ACF TRENTO (4-2-3-1): Valzolgher, Varrone, L. Tonelli, Ruaben, Chierchia (23’st Bertamini), Torresani, Tononi (35’st Parisi), Rovea (14’st Fuganti), Poli (45’st Maurina), A. Tonelli, Pasqualini (33’st Daprà).

A disposizione: Callegari, Bertamini, Dorigatti, Maurina, Regini, Fuganti, Daprà, Parisi.

Allenatore: Libero Pavan

SUDTIROL DAMEN: Di Genova, Baldasso (25’st Violi), Datres, De Luca, Kofler, Pignato, Mair, Abler, Simonetti, Battaglioli, Prearo (33’st Zattel).

A disposizione: Mair, Cirillo.

Allenatore: Beatrice Visintainer

ARBITRO: Abou El Ella di Milano.

RETI: 13’pt De Luca (S), 31’pt A. Tonelli (T), 30’st Pasqualini (T), 45’st Poli (T).

 

 

 

È GIÀ TEMPO DI DERBY: A MATTARELLO ARRIVA IL SUDTIROL DAMEN

Si riparte. La sosta del campionato ha permesso al Trento di ricaricare le batterie dopo il pareggio sul campo del Cortefranca e adesso la squadra di mister Pavan punta a tornare alla vittoria in una partita delicata come il derby con il Sudtirol Damen. Calcio d’inizio alle ore 14.30, dirigerà la sfida il Signor Abou El Ella di Milano.

 

QUI TRENTO

Il campionato delle gialloblù riparte dal derby. Le giocatrici di mister Pavan hanno avuto modo di preparare a lungo la partita in queste due settimane per provare a tornare alla vittoria dopo lo stop forzato con il Cortefranca. Sarà però importante affrontare la partita con la giusta serenità per fare risultato: “Abbiamo trascorso due settimane tranquille, lavorando con un bel clima in campo. Ci aspetta un ciclo di partite abbordabili, almeno sulla carta, che possiamo e dobbiamo vincere, senza però che ciò diventi un’ossessione. Non vogliamo che la tensione d’ora in poi condizioni in negativo il nostro rendimento come successo in passato. Penso che quella di domani sarà una buona opportunità per migliorare in tal senso”, ha commentato mister Pavan. A fronteggiare le gialloblù ci sarà una squadra in salute, reduce da una sorprendente vittoria contro il Gordige ed intenzionata a proseguire nel proprio percorso di crescita: “Ovviamente conosciamo bene le nostre avversarie. È una squadra ben allenata e molto giovane che, proprio per questo, sarà sicuramente diversa rispetto a quando l’abbiamo incontrata all’andata. Si è sempre dimostrata una formazione imprevedibile e capace di dare fastidio a chiunque, per questo ci vorrà la massima attenzione”, ha aggiunto l’allenatore gialloblù. Rispetto alle ultime uscite, non potrà essere della partita Giulia Rosa che è stata messa a riposo precauzionale per motivi di salute, mentre Chierchia ci sarà nonostante qualche acciacco. Le novità positive arrivano invece da Pasqualini: “È pienamente recuperata e domani potrebbe giocare dall’inizio. Ha bisogno di riacquistare il ritmo partita e la fiducia nei suoi mezzi, che non sono in discussione”, ha concluso Pavan.

 

LE CONVOCATE

PORTIERI: Valzolgher, Callegari.

DIFENSORI: Chierchia, Regini, Ruaben, L. Tonelli, Varrone, Bertamini.

CENTROCAMPISTI: Fuganti, Maurina, Torresani, Poli, Tononi, Rovea, Dorigatti.

ATTACCANTI: Pasqualini, Daprà, A. Tonelli, Parisi.

UN PUNTO E QUALCHE RAMMARICO: CON IL CORTEFRANCA TERMINA 1-1

Il Trento non va oltre il pareggio sul campo del Cortefranca. Succede tutto nel finale di primo tempo: Rovea apre le marcature ma Picchi pareggia i conti a pochi istanti dall’intervallo. Nel secondo tempo le padrone di casa ci provano su palla inattiva ma è la squadra di Pavan a rendersi più pericolosa.

 

LIVE MATCH

Per la delicata sfida con il Cortefranca, mister Pavan ripropone Linda Tonelli in difesa e capitan Torresani a centrocampo dal primo minuto, mentre in attacco torna titolare Rosa dopo un turno di riposo. La partita stenta a decollare e per vedere la prima occasione da goal c’è da attendere diciotto minuti: Alessandra Tonelli trova l’imbucata per Rovea che però fatica ad imprimere forza al pallone. Poco più tardi è ancora la squadra di mister Pavan a rendersi pericolosa ma l’eccesso di altruismo di Poli finisce per sorprendere Rovea al momento della conclusione, che termina di poco a lato della porta. Al 44’ il Trento riesce però a passare a condurre: la sventagliata di Poli premia l’inserimento in profondità di Rosa che addomestica il pallone e serve a Rovea l’assist del vantaggio. L’esterno trentino spinge in rete e sigla il vantaggio gialloblù. Nel momento migliore della formazione di mister Pavan, però, il Cortefranca ristabilisce la parità: Picchi approfitta dell’incomprensione tra Torresani e Linda Tonelli per infilare la difesa in velocità e per battere Valzolgher a tu per tu, firmando l’uno a uno a pochi istanti dall’intervallo. Nella ripresa il copione non cambia, nonostante le padrone di casa appaiano più propositive ad inizio frazione. È ancora un passaggio di Poli ad infiammare il secondo tempo, Torresani aggancia in area ma non riesce a centrare lo specchio. Poco più tardi Alessandra Tonelli pesca Rovea che raddoppia, l’arbitro però annulla per posizione irregolare. Il Cortefranca prova allora a rendersi pericoloso su palla inattiva ma sono le traiettorie di Alessandra Tonelli su punizione ad impensierire di più la controparte nel finale di gara. Il risultato resta comunque invariato e il Trento deve accontentarsi di un punto che permette di smuovere poco la classifica. Le prossime sfide contro Sudtirol e San Paolo diranno molto del futuro di questa stagione.

 

IL TABELLINO DELL’INCONTRO

CORTEFRANCA – TRENTO 1-1

CORTEFRANCA: C. Belotti, Leali, S. Belotti, Macchi, Valtulini, Freddi (33’st Mottinelli), Valesi, Muraro (40’st Giudici), Picchi, Scarpellini.

A disposizione: Ferrari, Sirelli, Beltrami, De Giglio, Fenaroli, Lavezzi, Gervasi.

Allenatore: Mauro Antonio Predari

TRENTO: Valzolgher, Varrone, L. Tonelli, Ruaben, Chierchia (18’st Lucin), Fuganti, Torresani, Poli (45’st Tononi), A. Tonelli, Rosa (26’st Paqsualini), Rovea (33’st Daprà).

A disposizione: Callegari, Maurina, Regini.

Allenatore: Libero Pavan

ARBITRO: Arnaut di Padova

RETI: 44’pt Rovea (T), 48’pt Picchi (C).

 

TRASFERTA SPARTIACQUE: TRENTO A CACCIA DI CONFERME CON IL CORTEFRANCA

La vittoria interna con la Spal ha permesso al Trento di tornare alla vittoria, ora la squadra di Pavan va a caccia di conferme in provincia di Brescia, dove l’attenderà il Cortefranca. Una vittoria in casa dell’attuale quinta forza del campionato permetterebbe alla squadra di Pavan di acquisire consapevolezze e di rilanciarsi in classifica. Calcio d’inizio alle 14.30, dirigerà la sfida il Signor Arnaut di Padova.

 

QUI TRENTO

È stata una proficua settimana di allenamenti quella appena trascorsa in casa Trento e le gialloblù hanno avuto modo di preparare al meglio una trasferta delicata come quella con il Cortefranca. La formazione lombarda è reduce da buone prestazioni e da tre risultati utili consecutivi che imporranno alla squadra di mister Pavan la massima attenzione: “La squadra avversaria è in uno splendido momento, è estremamente cosciente delle proprie potenzialità e dei propri limiti. Vincere questa partita sarebbe fondamentale all’interno del nostro percorso di crescita, per alzare ulteriormente il nostro morale e per accrescere la consapevolezza nei nostri mezzi. Penso sia una partita spartiacque in tal senso”, ha commentato il tecnico gialloblù. Per tornare a Trento con il massimo risultato le gialloblù però dovranno fare un ulteriore passo avanti, sia in fase difensiva che realizzativa: “Il Cortefranca ha un paio di giocatrici di assoluto valore a cui dovremo prestare particolare attenzione. Nella scorsa partita, un paio di sbavature in fase difensiva hanno rischiato di costarci caro e domani non dovremo assolutamente ripetere gli stessi errori. Anche in attacco dovremo essere più concrete perché sia nella scorsa uscita con la Spal che nel match di andata con il Cortefranca abbiamo sprecato molte occasioni. Detto ciò, penso che a livello di organico non abbiamo nulla da invidiare alle avversarie e per questo mi aspetto una bella partita”, ha aggiunto mister Pavan. Rispetto alla partita con la Spal, il tecnico gialloblù non potrà fare affidamento su Bertamini che, proprio nell’ultimo incontro, è stata espulsa, rimediando così una giornata di squalifica. Le altre giocatrici sono invece regolarmente arruolabili.

 

LE CONVOCATE

PORTIERI: Valzolgher, Callegari.

DIFENSORI: Chierchia, Lucin, Ruaben, Varrone, L. Tonelli, Regini.

CENTROCAMPISTI: Fuganti, Maurina, Torresani, Poli, Tononi, Rovea.

ATTACCANTI: Pasqualini, Daprà, A. Tonelli, Rosa.

 

IN DIECI PER OLTRE UN’ORA, IL TRENTO RIBALTA IL RISULTATO E BATTE LA SPAL

Il Trento torna alla vittoria dopo due giornate di digiuno e s’impone per 2 a 1 su una Spal combattiva. La formazione ferrarese parte forte e riesce a passare in vantaggio con Pirani, guadagnando poi la superiorità numerica con l’espulsione di Bertamini. Le gialloblù però non si danno per vinte e ribaltano la situazione con una doppietta di Tonelli.

 

LIVE MATCH

Per la sfida con la Spal, mister Pavan cambia qualche interprete rispetto all’ultima uscita e schiera dall’inizio Varrone, Bertamini, Torresani e Tononi, tenendo invece inizialmente a riposo Rosa e l’acciaccata Daprà su tutte. La squadra non sembra avere problemi di amalgama e, dopo due soli minuti, bussa alla porta della Spal. Poli macina la fascia destra e serve Alessandra Tonelli a centro area ma l’attaccante non riesce ad angolare favorendo l’intervento dell’estremo difensore spallino. La risposta delle biancoazzurre non si fa attendere e, dopo un solo giro di lancette, Fratini recupera palla in posizione pericolosa e calcia immediatamente esaltando i riflessi di Valzolgher che devia in angolo. Al 10’ il tentativo di Rovea sugli sviluppi di un corner non va a buon fine, mentre il secondo affondo della Spal non lascia scampo alle padrone di casa: Pirani attacca bene la profondità alle spalle della difesa trentina e, dopo aver ricevuto palla sul filo del fuorigioco, batte Valzolgher a tu per tu siglando il vantaggio spallino. Il botta e risposta continua anche dopo la rete ospite e il Trento prova subito a riacciuffare la gara, ma la deviazione sottomisura di Poli su assist di Tonelli non inquadra di poco lo specchio. Episodio chiave al 23’: Bertamini interviene con un po’ troppa foga su Fratini lanciata a rete e il direttore di gara sanziona il fallo con un cartellino rosso, ma resta da valutare se Bertamini fosse effettivamente l’ultimo difensore in gioco a poter raggiungere il pallone. L’inferiorità numerica non scoraggia il Trento che, nel giro di dieci minuti pareggia: Alessandra Tonelli riceve sulla corsa direttamente da Valzolgher, si districa in mezzo a tre avversarie e batte Da Ronche con un gran tiro che vale l’uno a uno. La stessa Tonelli serve il bis poco più tardi, complice l’errore grossolano del portiere ospite che si fa scivolare di mano la debole conclusione del tuttocampista gialloblù. La ripresa è di marca trentina e Poli sciupa subito due grandi chance per triplicare, concludendo di poco a lato da ottima posizione in entrambi i casi. La Spal fatica a reagire, mentre il Trento riesce a rendersi pericoloso ancora con Tonelli che impegna Da Ronche in angolo. È l’ultimo acuto di una gara emozionante, combattuta onorevolmente da entrambe le formazioni e vinta dalla squadra che ha creato più pericoli. Il settimo posto attuale non permette alle gialloblù di rilassarsi ma la vittoria con la Spal in inferiorità numerica sarà sicuramente un’iniezione di fiducia in vista delle prossime sfide.

 

IL TABELLINO DELL’INCONTRO

TRENTO – SPAL 2-1

TRENTO: Valzolgher, Varrone, Bertamini, Ruaben, Lucin, Fuganti, Torresani, Poli (30’st Pasqualini), Tononi (1’st L. Tonelli), A. Tonelli, Rovea (25’st Rosa).

A disposizione: Callegari, Chierchia, Regini, Sofia, Maurina, Daprà.

Allenatore: Libero Pavan

SPAL: Da Ronche, Luciani, Visconti, Sattin, Grassi, Pirani, Filippini, Braga, Faccioli, Gozzi, Fratini.

A disposizione: Rolfini, Esquilli, Carbone, Natilla.

Allenatore: Max Malagolini

ARBITRO: Okret di Gradisca D’Isonzo

RETI: 12’pt Pirani (S), 33’pt e 39’pt A. Tonelli (T).

NOTE: espulsa Bertamini al 23’pt.

 

 

 

INVERTIRE LA ROTTA: IL TRENTO ATTENDE LA SPAL

Dopo la doccia fredda arrivata nel derby a senso unico con l’Isera, la squadra di Pavan si appresta ad affrontare la prima partita del girone di ritorno. A Mattarello arriva la Spal, che conta dieci punti in classifica al giro di boa. L’obiettivo è quello di tornare alla vittoria per rilanciarsi in classifica dopo i due ultimi passi falsi. Dirigerà la sfida il Signor Okret di Gradisca D’Isonzo.

 

QUI TRENTO CLARENTIA

In settimana la squadra è tornata ad allenarsi per preparare al meglio la prima del girone di ritorno contro la Spal. A Mattarello arriverà una squadra ferita, reduce dalla sconfitta per sette a zero sul campo del Brescia, ma sottovalutare la formazione di Ferrara potrebbe rivelarsi fatale: “Nella scorsa partita abbiamo pareggiato tre a tre senza subire un tiro in porta e, a questo punto, mi viene da dire che dovremmo essere in credito con la fortuna. Adesso vogliamo voltare pagina e portare la sorte dalla nostra parte. È possibile, dovremo però avere maggior attenzione e determinazione. La Spal è una squadra che ha qualche individualità molto buona, estremamente giovane e che potenzialmente può sempre mettere in difficoltà. Ora inizia il ritorno e vogliamo assolutamente fare più punti rispetto all’andata, per recuperare i 7 che abbiamo perso in questo girone”, ha commentato mister Pavan. In settimana ha avuto qualche problema fisico Daprà ma la giocatrice dovrebbe recuperare per la sfida di domani. La buona notizia sul fronte recuperi invece proviene da Lenzi che è tornata ad allenarsi con il pallone dopo l’intervento al ginocchio dei mesi scorsi”.

 

LE CONVOCATE

PORTIERI: Valzolgher, Callegari.

DIFENSORI: Chierchia, Lucin, Ruaben, Varrone, L. Tonelli, Regini, Bertamini.

CENTROCAMPISTI: Fuganti, Maurina, Torresani, Poli, Tononi, Rovea.

ATTACCANTI: Pasqualini, Daprà, A. Tonelli, Rosa.

 

DERBY CON L’ISERA A DUE FACCE: SUPER PRIMO TEMPO, POI LA BEFFA

Un Trento tanto brillante nel primo tempo, quanto ingenuo nella ripresa pareggia il derby con l’Isera al termine di 90 minuti al cardiopalma. Le reti di Rovea e Rosa, sommate all’autogol di Manconi, vengono compensate dall’autorete di Callegari e dai gol di Carabelli e Planchestainer nel finale.

LIVE MATCH

Per il derby con l’Isera, mister Pavan cambia due elementi in difesa e altrettanti a centrocampo schierando Bertamini, Lucin, Tononi e Rovea. Le gialloblù aggrediscono la gara e, dopo aver scaldato i guantoni a Casapu con una staffilata di Fuganti, passano a condurre: Alessandra Tonelli guadagna il fondo e spedisce un pallone teso in mezzo all’area che viene deviato nella propria porta da Manconi nel tentativo di anticipare Poli. L’Isera stenta a rispondere, così la partita scivola fino alla mezz’ora, quando le giocatrici di Pavan riescono a servire il bis con Rovea, abile a battere Casapu con estrema freddezza. Sulle ali dell’entusiasmo, il Trento centra due legni: prima con una conclusione dal limite di Tonelli che si stampa sulla traversa, poi con una deviazione sottomisura di Poli che centra il palo. Al tramonto della prima frazione, le gialloblù trovano l’agognato tris e Rosa si dimostra precisa in termini di tempismo e traiettoria deviando alle spalle di Casapu il traversone dal fondo di Rovea. Ad inizio ripresa i ritmi sono invece più blandi e, dopo dodici minuti dal ritorno in campo, l’Isera riesce ad accorciare le distanze sfruttando un rinvio errato di Callegari che termina nella propria porta. Il Trento non tarda a rispondere ma le deviazioni sottomisura di Rovea e Poli mancano lo specchio della porta graziando l’Isera. Nella seconda parte della ripresa è invece Casapu a tenere a galla le biancorosse, dimostrandosi reattiva in occasione di entrambe le conclusioni sfoderate da Tonelli tra il 24’ e il 32’ minuto. A cinque minuti dal termine, l’Isera torna incredibilmente in gara e la mischia creatasi in area sugli sviluppi di un corner favorisce il tap-in di Carabelli che sigla il momentaneo tre a due. Pochi istanti dopo, la rimonta si completa e una situazione fotocopia porta alla conclusione sottomisura di Planchestainer che spedisce in rete facendo esplodere di gioia le proprie compagne. È l’ultimo atto di una partita tanto spettacolare quanto crudele per le gialloblù, rimaste a distanza di sicurezza fino a pochi istanti dal termine e beffate da un finale di gara incredibile.

 

IL TABELLINO DELL’INCONTRO

ACF TRENTO – ISERA 3-3

TRENTO: Callegari, Lucin, Bertamini, Ruaben, Chierchia, Fuganti, Tononi (20’st Pasqualini), Poli, A. Tonelli, Rovea (27’st Torresani), Rosa (13’st Maurina).

A disposizione: Varrone, L. Tonelli, Regini, Daprà.

Allenatore: Libero Pavan

ISERA: Casapu, Stedile (18’st Carabelli), Manconi, Boccagni, Planchestainer, Pellegrini, Bonenti (35’st Cova), Bertolini (8’st Casagrande), Gazzini (10’st Monaco), Pasqualini (40’st Cavagna), Slomic.

A disposizione: Tesini, Baldessari, Zane.

Allenatore: Senad Slomic

ARBITRO: Cavasin di Castelfranco Veneto

RETI: 11’pt autogol Manconi (T), 29’pt Rovea (T), 43’pt A. Tonelli (T), 12’st aut. Callegari (I), 40’st Carabelli, 44’st Planchestainer.